Storia di NewYork

In questo post spiego l’evoluzione di Manhattan dai primi insediamenti del XVII secolo, fino all’evoluzione attuale.
Indice:

La scoperta della baia di New York

I primi insediamenti nell’area dall’attuale Manhattan, furono i Delaware (o Lenape). L’isola era chiamata Madanos o Manhattas, che significava isola o isola collinosa.

Oggi New York ha ancora un ponte che prende il nome da uno dei suoi primi esploratori Giovanni da Verrazzano, che nel 1524 aveva descritto la popolazione indigena come ospitale e allegra.

Un secolo dopo la Compagnia Olandese delle Indie Occidentali, con a capo il navigatore Henry Hudson (da cui l’omonimo fiume) insediò Fort Amsterdam, uno snodo di commercio di pellicce.

L’insediamento urbano denominato Nieuw Nederland (Nuovi Paesi Bassi) con la città Nieuw Amsterdam, iniziò un grande sviluppo infrastrutturale nel 1643. Mentre nel 1652 gli fù concesso l’autogoverno.

I Padri pellegrini inglesi approdati nel Nuovo Mondo con la Mayflower, fondarono la colonia della Virginia; nel 1664 Nieuw Amsterdam divenne di dominio inglese, ribattezzando la città col nome di New York.

L’indipendenza di New York

Mano a mano che la colonia di New York cresceva e prosperava cresceva anche il suo desiderio di autonomia dalla madrepatria, dopo numerose rivolte interne e leggi inglesi ritenute, incostituzionali.

Il 13 settembre 1788 dopo la guerra d’indipendenza americana, New York divenne la prima capitale degli Stati Uniti. Nel 1792, fu eretta la New York Stock Exchange, che nel 1817 diventerà l’attuale Borsa di Wall Street.

L’immigrazione dall’Europa cresceva rapidamente e New York divenne meta di milioni di persone in cerca di fortuna; questo ruolo venne riconosciuto con la donazione da parte della Francia della Statua della Libertà.

Agli inizi del 1900 vennero create le cinque contee di New York: Kings, New York, Bronx, Queens e Richmond mentre per favorire la mobilità urbana nacque la prima metropolitana e i vari ponti di collegamento.

New York nel XX secolo

Nel XX secolo NY, era già diventata un’importante centro economico di riferimento mondiale, tant’è che venne denominata dal giornalista Edward S. Martin “The Big Apple”.

L’espansione di New York nel 1909 iniziava ad essere caratterizzata dal tipico Skyline dei grattacieli; con l‘Empire State Building concluso nel 1930 si affacciava avveneristicamente alle porte del XXI secolo.

Il primo grattacielo è stato il Flatiron Building o “Ferro da Stiro”. Ma perchè questo skyline? La risposta è semplice: New York é costruita su un’isola dove in mancanza di spazio orizzontale, si sfrutta quello in verticale.

Dopo la seconda guerra mondiale, molti immigrati europei tornarono a New York mentre nel 1952 l‘ONU trasferì la sua sede in città. Negli anni 60 New York e Harlem furono protagoniste di frequenti tensioni razziali.

Cosa fare a New York?

Oggi sono circa 6 mila i grattacieli della Grande Mela. Il vostro tour non può non iniziare dal cuore pulsante di NY, il quartiere di Midtown con la vicina Times Square

Da Times Square potrete spostarvi facilmente in pochi minuti verso Bryant Park. Accanto si trova la NYC Public Library, un’antica biblioteca di New York, che potrete visitare gratis.

Da Bryant Park e dalla Public Library potrete ritrovarvi sulla Fifth Avenue, la strada più famosa di New York; proseguendo raggiungerete la Cattedrale gotica di St Patrick.

Il Top Of The Rock, l’osservatorio in cima al Rockefeller Center al 70° piano, è uno dei luoghi migliori per ammirare Manhattan e il suo skyline, che vi lascerà letteralmente senza fiato.

Da non perdere è The Edge, un osservatorio panoramico sospeso nel vuoto, con pavimento trasparente. L’Edge si trova al 100° piano del 30 di Hudson Yards, dove vi attende poi un elegante cocktail bar.

The Edge, NY

Da Battery Park, parte il traghetto per Ellis Island e Liberty Island, per la Statua della Libertà; è consigliabile prenotare per il mattino perchè c’è sempre fermento di turisti.

Proseguendo verso il World Trade Center dove un tempo si ergevano le Torri Gemelle, troverete il Memorial del 9/11. Due enormi vasche costruite nel punto esatto in cui si trovavano le Torri..

Vicino il Museo di Storia Naturale, troverete anche Central Park costruito nel 1857 e ancora oggi simbolo della grande mela; in autunno si riempie di sfumature rosse e gialle.

Sono 100 i musei di NY, ma i più importanti sono il MOMA e il Guggenheim. Qui troverete dipinti come la Notte Stellata di Van Gogh, alcuni dipinti celebri di Picasso, Chagall, Kandinsky, Mondrian, Manet.

Proseguendo per l’architettura gotica di NY da non perdere è il Ponte di Brooklyn costruito nel 1883. E’ visitabile a piedi o in bicicletta, grazie alla passerella in legno che passa sopra le corsie stradali.